Che cos’è un Oggetto didattico  (Learning Object abbreviato LO)?

Tanto per essere chiari iniziamo col dire che:
“Non esiste una definizione univoca di Learning Object”
 
Vediamo però quali siano le definizioni più accreditate:
 
  • risorsa modulare digitale, identificata univocamente e descritta da metadati, che può essere usata per supportare l’apprendimento” (National Learning Infra structure Initiative)
  • qualunque risorsa digitale che può essere riusata per supportare l’apprendimento”(David Wiley, “ConnectingLearning Objects toInstructional Design Theory”
  • qualunque entità, digitale o non-digitale, che può essere usata, riusata o riferita durante un’attività di apprendimento supportata da tecnologie” (Learning Object Metadata Working Group dello IEEE Learning Technology StandardsCommittee)
  • Alla base del concetto di learning objectc’è una logica di apprendimento modulare: i contenuti complessi vengono scomposti in singole unità autoconsistenti concepite per essereutilizzate in contesti multipli, in modo da costituire un database di oggetti formativi immediatamente disponibili per creare percorsi di e-learning personalizzati sulla base delle esigenze dei discenti e delle organizzazioni. Da un punto di vista tecnico, un learning object è qualunque oggetto formativo autoconsistente che possa essere erogato da un Learning Management System (LMS). Se ne deve poter registrare l’accesso da parte del discente (tracciabilità)” (Vademecum CNIPA per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nella PA)
  • risorsa digitale, finalizzata ad un obiettivo formativo, dedicata allo svolgimento di unafunzione di studio nel quadro diuna sessione di apprendimento, riutilizzabile inpercorsi diversi,operante su un LMS” (Marcello Giacomantonio, “Learning Object”, Ed. Carocci, 2007)
Verso una definizione di Learning Object
 
Mettendo insieme un po’ di idee, esperienze e soprattutto pratica, possiamo cominciare a tradurre “Learning Object” come “Oggetto Didattico” e affermare quindi che è qualcosa che favorisce l’apprendimento e agevola l’insegnamento.
 
Un libro, può essere considerato un LO?
La differenza fondamentale tra il concetto di “Learning Object” e quello di “libro”, per come oggi intendiamo un libro, è che un Learning Object generalmente adotta una comunicazione multimediale ed interattiva.
Un cd-rom multimediale, può essere considerato un LO?
I CD multimediali e interattivi possono essere considerati alla stregua di Learning Object, ma non ne rappresentanola migliore specie. L’intento ultimo dei Learning Object è di migliorare non solo l’efficacia della didattica, grazie ad una flessibilità e varietà di aggregazioni e adattamenti dei contenuti resi snelli e monotematici, ma anche l’efficienza della didattica.
Ad esempio: perché appesantirsi con un intero tomo antologico di poesie e letteratura italiana, se ciò che ci interessa è solo una poesia di Ungaretti?
I CD, per loro natura, sono monolitici. Si prende tutto o niente. Non è possibile estrarre da un CD un solo pezzo o argomento, perché magari è stato fatto meglio, mentre un altro argomento lo si prende da un altro CD.
 
Definizione di Learning Object
 
Un learning object è una risorsa modulare, in formato digitale, fruibile via web, descritto da metadati ed usato e riusato in contesti di apprendimento per raggiungere un univoco e unicoobiettivo didattico.
 
E’ importante  che il learning object possa essere usato più volte, anche in contesti di apprendimento diversi. Questo implica che debba avere una certa adattabilità e dunque che possa essere facilmente aggiornato, modificato, personalizzato.
Un vero learning object dovrebbe essere tutto “open source“,  a sorgente aperto e autorizzarne non solo legalmente ma anche tecnicamente la modifica da parte di coloro che intendono utilizzarlo.
Non serve a nulla infatti indicare che un tale learning object è offerto ad esempio in modalità “creative commons” invece che “copyright”, se poi gli elementi che lo compongono non sono facilmente o per nulla modificabili.
Font Resize
Contrast